Post in evidenza

------>Calendario Eventi<------

martedì 15 gennaio 2019

Po, Brenta, Tidone ma anche laghi di Como, Iseo e Maggiore sono tutti sotto la media.

La mancaza di precipitazioni e di abbondanti nevicate registrate negli ultimi messi hanno portato a livello di criticità numerevoli fiumi tra cui il Brenta. Infatti, arriva dal Veneto la prima segnalazione territoriale di diffusa criticità idrica. Ad esserne interessata è il comprensorio del fiume Brenta, le cui portate scendono a  valori minimi preoccupanti  (15 metri cubi al secondo), che costringono il locale Consorzio di bonifica a gestire, con oculatezza, le derivazioni nelle rogge per garantire l’aspetto igienico-sanitario, la sopravvivenza di fauna e flora (in particolare quelle acquatiche), l’alimentazione di piccoli bacini, la ricarica della falda, gli usi industriali.
“La situazione è preoccupante soprattutto in previsione dei mesi più caldi; per ora la campagna riposa ma, in assenza di manto nevoso, rischiamo di non avere riserve idriche per i momenti di necessità” commenta Francesco Vincenzi, Presidente dell’Associazione Nazionale dei Consorzi per la Gestione e la Tutela del Territorio e delle Acque Irrigue (ANBI).
Nonostante lo stato di emergenza si potrebbe approfittare del livello basso delle acque per ripulire gli alvei dalla quantità di rifiuti e ramaglie presenti.




Nessun commento:

Posta un commento